Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.

Se sei d'accordo, premendo 'Accetto', acconsenti che questi vengano memorizzati sui tuoi dispositivi, altrimenti chiudi la pagina web. Per saperne di piu'

Accetto

Tour dei Castelli della Dora Baltea

imgp1595webimgp1601webweb sarriod 2011-05-17 36web 2011-05-17 21 aymavilles


Il tour dei "Castelli della Dora Baltea" permette di ammirare i castelli medievali che sorgono ad est e ad ovest della città di Aosta e che dominano la valle centrale e il fiume Dora Baltea.
Si svolge in due giorni su un percorso adattato alla mountain bike, circa 30/35 km ciclabili al 100%. Il percorso passa attraverso starde poderali, sentieri che corrono lungo una parte dei vecchi canali di irrigazione (i "Rus") e l'antica Via Francigena, su pista ciclabile e, in misura minore, su strade asfaltate secondarie. Si attraversa la Riserva Naturale "Les îles", bellissimi vigneti e altri siti meravigliosi. Il programma comprende l'ingresso per il tour guidato di alcuni castelli.

Prima giornata

 

Il luogo di partenza e rientro è ad Aosta, in Piazza Arco d’Augusto, dove poter ammirare l’imponente arco onorario dedicato all'imperatore Augusto. 
Dopo una breve visita al Ponte romano, attraverso tratti asfaltati, piste sterrate e sentieri si raggiungono il Monastero di clausura Mater Misericordiae, i Castelli di QuartNus e Pilato e, infine, il borgo di Nus.

A richiesta è possibile prevedere la sosta per il pranzo in trattoria o agriturismo a base di prodotti tipici valdostani

Nel pomeriggio l’escursione continua con la visita dello stupendo Castello di Fénis, che è noto per costituire l'esempio più compiuto del castello medievale alpino. Era già esistente nel XIII secolo e acquista la sua fisionomia definitiva fra il '300 e il '400, in seguito a trasformazioni ed ampliamenti voluti dalla potente famiglia feudale degli Challant. 
Il percorso permette di attraversare boschi prevalentemente di latifoglie, pascoli di bassa altitudine, borghi e villaggi tipici valdostani.

La parte più interessante del percorso MTB si snoda su piste sterrate e sentieri che percorrono un tratto della Via Francigena, che “...era una delle strade più importanti per l'Italia del Medioevo, in quanto costituiva il collegamento tra le regioni transalpine e Roma. Moltitudini di pellegrini di diverse lingue, paesi, censo e cultura la attraversarono in modo sempre più cospicuo a partire dall'XI sec., facendone un importante luogo di incontro e di scambio culturale” (*).
La visita al Castello di Fénis verrà effettuata nel pomeriggio al fine di dedicare il tempo necessario per la visione delle diverse sale interne e... facilitare la digestione del pranzo!! Oltre alla visita del castello, a Fénis sarà possibile visitare anche il Museo dell’Artigianato Valdostano di Tradizione.
Dopo queste visite ci attende un rientro verso Aosta, su percorso quasi pianeggiante, passando per la Riserva naturale Les îles, con i suoi laghi e le sue postazioni di avvistamento dell’avifauna.

Dati tecnici riassuntivi del percorso

• Tipo di gita: turistica e culturale
• Target: adulti, famiglie e giovani di età superiore ai 13 anni
• Territorio: di bassa montaga - facilmente accessibile
• Difficoltà tecnicaTC
• Impegno fisico: basso
• Trasferimenti: non previsti
• Ciclabilità: 100%
• Periodo di validità: marzo-novembre (in funzione dell’assenza di neve)
• Durata dell’escursione: 1 giornata 
• Distanza: 35 Km circa

 

 

Seconda giornata

La seconda giornata propone di raggiungere e visitare in successione i castelli di: Aymavilles, Sarriod de La Tour, Saint Pierre e Sarre situati nei limitrofi comuni della “Plaine d’Aoste”, relativamente vicini, percorrendo la comoda e bellissima pista ciclabile, alcune strade regionali/comunali secondarie (a basso indice di traffico), alcuni tratti di strade sterrate e sentieri.

Si raggiunge la comoda pista ciclabile totalmente pianeggiante situata alla destra orografica del fiume “Dora Baltea” e si procede alla volta del Comune di Gressan, dove ne approfitteremo per visitare velocemente due importanti testimonianze medievali. Raggiungendo la chiesa della Magdelaine, si arriva su un piccolo promontorio situato nella piana che si stende verso Jovençan dove si erge la Torre de La Plantà (piccola roccaforte del XIV sec.) e subito dopo posto in posizione dominante c’è il castello dei signori de la Tour de Villa (XII sec.).

Proseguiamo in direzione Aymavilles, in una zona ricca di tradizione agricola ma soprattutto vinicola. Infatti è qui che passa l’itinerario n. 3 de la “Route des Vins” del Monte Emilius dove si producono alcuni tra i migliori vini doc Valdostani come il Torrette, Fumin, La Sabla, Pinot Noir, Petit Rouge, Chardonnay, Petite Arvine, Pinot Gris ecc.. . Il percorso si snoda lungo le strade che uniscono i vari vigneti ed i meleti nei dintorni del cocuzzolo nominato ”Les Crêtes”, sede dell'omonima azienda vinicola, e la collina della “Cave des Onzes Communes”, sede dell'omonima cantina sociale. Il tracciato è molto semplice, ma allo stesso tempo estremamente panoramico e interessante, non è raro infatti trovare degli agricoltori al lavoro mentre curarano i loro vigneti. Risalendo lungo la strada comunale “de la Cave” arriviamo diritti davanti al parco del Castello di Aymavilles dove il primo edificio che incontriamo sono le scuderie. Depositiamo le biciclette e a piedi percorriamo i giardini attorno al castello che ci permettono di ammirare l’edificio in tutta la sua bellezza oltre che il panorama circostante: a sud verso l’imbocco della vallata di Cogne, a ovest l’alta valle centrale e a nord il castello di Sarre che si erge sul promontorio del versante opposto.

La gita prosegue alla volta del Castello di Saint-Pierre, scendiamo dalla collina di Aymavilles transitando dalla località Chavonne nel territorio del Comune di Villeneuve. In questa zona è famosa la base della scuola valdostana “Rafting Aventure” e il “Parco Avventura”.
In prossimità di tali strutture, attraversando sul ponte il fiume Dora Baltea, saliamo per un breve tratto sino ad immetterci nella S.S n. 27. La attraversiamo e imbocchiamo la strada comunale che ci condurrà nei pressi del municipio e del suggestivo “Castello delle Fate” che domina sulla pianura e la collina del borgo. Ai piedi del castello si trova la chiesa parrocchiale di Saint-Pierre. 

Scendiamo per visitare il meno famoso ma altrettanto suggestivo castello che si erge nel Comune di Saint-Pierre, il Sarriod de la Tour. In bicicletta possiamo arrivare sino alla corte della la fattoria ubicata all'estremità opposta della torre castellata. Oltre a visitare il castello è anche possibile soffermarsi alla mostra permanente denominata "Fragmenta Picta". 

A richiesta è possibile prevedere la sosta per il pranzo in trattoria o agriturismo a base di prodotti tipici valdostani

Nel pomeriggio ultima tappa, lasciandoci alle spalle il Sarriod de La Tour, attraversiamo i frutteti e i vigneti circostanti in direzione Sarre che raggiungiamo in circa 30 min. Avvicinandoci scorgeremo il Castello Reale di Sarre che sovrasta il promaontorio davanti ai nostri occhi. 

Grazie alla bicicletta abbiamo l’insolita possibilità di girare tutto intorno alla cinta muraria in pietra dove dal lato sud possiamo dominare la vallata centrale e godere di una vista mozza fiato direttamente sulla conca di Aymavilles e il suo castello.

 

Dati tecnici riassuntivi del percorso

• Tipo di gita: turistica e culturale
• Target: adulti, famiglie e giovani di età superiore ai 13 anni
• Territorio: di bassa montaga - facilmente accessibile
• Difficoltà tecnicaTC
• Impegno fisico: basso
• Trasferimenti: non previsti
• Ciclabilità: 100%
• Periodo di validità: marzo-novembre (in funzione dell’assenza di neve)
• Durata dell’escursione: 1 giornata 
• Distanza: 30 Km circa

 

 

A chi è rivolto

Il tour è rivolto ai bikers abituati a percorrere in mountain bike strade poderali e facili sentieri, anche se non hanno alcuna preparazione fisica o specifiche competenze tecniche di guida. Per questo motivo l'attività è indirizzata anche alle famiglie.  Gli itinerari si sviluppano essenzialmente su brevi tratti di strade asfaltate, pista ciclabile, strade poderali e sentieri aventi fondo compatto e scorrevole e generalmente pianeggiante.

 

Date di svolgimento e quota di partecipazione

Per la stagione 2016 il tour è programmato nei giorni 23 e 24 aprile. Se siete un gruppo potete proporre altre date.

Quota di partecipazione :

- per entrambe le giornate 110 € a persona per i soci della nostra ASD e 135 € a persona per i non soci.
- è possibile iscriversi anche ad una sola giornata a scelta fra le due previste ad un costo di 60 € a persona per i soci della nostra ASD e 75 € a persona per i non soci.

Il tour (o la singola giornata) è assicurato con un minimo di 4 partecipanti.

La quota di partecipazione comprende:
- l'accompagnamento di uno o più maestri di mountain bike abilitati (massimo 7 persone per 1 maestro) ;
- l'assistenza con minibus che può intervenire in caso di guasti meccanici o altri inconvenienti ;
- foto ricordo in formato digitale.

La quota di partecipazione non comprende:
- L'ingresso e la visita guidata ai castelli (acquistati in loco)
- Servizio noleggio bici su richiesta

 

Attrezzatura

Bicicletta idonea al mountain bike e perfettamente funzionante (si raccomanda di controllarla prima della gita); casco (obbligatorio), abbigliamento idoneo al mountain bike (si raccomanda, in particolare, l’utilizzo di occhiali da sole con protezione UV e guanti), zaino per abbigliamento supplementare (maglie, giacca antipioggia/vento, ecc.), per le bevande (non alcoliche) e per i generi alimentari (pranzo al sacco). Non dimenticate la crema solare. In ogni caso, l'abbigliamento dovrà essere adeguato alla quota che si raggiunge, considerando che il tempo in montagna può cambiare anche velocemente e la temperatura avvicinarsi facilmente a zero gradi. 

Si raccomanda di portare una camera d’aria di riserva, da utilizzare in caso di foratura, e una falsa maglia per la catena, da utilizzare in caso di guasto ed altri ulteriori ricambi adatti alla vostra bicicletta.

 

Per ulteriori informazioni potete contattarci. In ogni caso potrete avere i nostri consigli per preparare al meglio l'escursione in funzione del periodo e delle previsioni meteo.