“Diary articles are in original italian language”

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Colle dell'Invergneux

Colle Invergneux


Un classico dell’escursionismo MTB in Valle d'Aosta.
Siamo partiti da Cogne e seguendo per poche centinaia di metri la strada che sale ci siamo lasciati alle spalle il paese e  subito immessi nella poderale in mezzo al bosco che costeggia il torrente Grand Eyvia in direzione Lillaz all’ingresso del quale si svolta a sinistra ed inizia la salita verso il vallone dell’Urtier: i primi chilometri, asfaltati, risalgono con numerosi tornanti una bastionata rocciosa, con bellissimi scorci sulla testata della Valeille. Poi l’asfalto lascia posto ad un ampia e ben tenuta sterrata (ma piuttosto polverosa..) che risale con pendenze più modeste e numerosi falsopiani.Si supera la frazioncina di Goille e alcuni alpeggi sino ad arrivare alla solitaria chiesetta alpina del Cret. Qui ci attendevano la messa e gli Alpini con tanto di cucina da campo salsiccie e polenta concia! Ma noi, integerrimi, non ci siamo lasciati tentare ed abbiamo proseguito per il nostro itinerario... Puff!!

Poco oltre eccoci sotto un salto di roccia con una cascata: è questo un tratto particolarmente impegnativo, seppur breve ed asfaltato, che raggiunge il pianoro dell’Urtier.
Ancora un po' di salita e giungiamo nei pressi di un ponticello al bivio ben segnalato per il Lac Ponton ed il Colle dell’Invergneux. Qui, al nostro passaggio, un pescatore tirava su una bella trota iridea dal torrente e faceva quota..

Di nuovo salita dura, ma la bellezza del luogo e soprattutto l’impressionante panorama e i colori dei prati circostanti fanno passare in secondo piano la fatica. Le gambe continuano a spingere e il caldo si fa sentire parecchio, a quota 2600 circa si abbandona l’ampia sterrata che porta all’alpe Ponton e al suo laghetto per imboccare un traverso stretto che risale a mezza costa , mancano ancora 300 metri di dislivello al colle, ma salvo rari punti particolarmente ripidi si può procedere pedalando e in alcuni tratti con la bici al fianco spingere. Il colle è vicino ed è ora di scendere dalla bici e caricarsela a spalle!

Elisa, l'unica donna del gruppo, stupisce tutti per le sue doti di scalatrice sempre davanti e senza mai lamentarsi.. Che grinta! Gli ultimi 100 metri di dislivello sono particolarmente duri per superare una grigia pietraia ma poco dopo eccoci all'agognata cima, il Colle dell’Invergneux mt. 2906. La Punta Tersiva è lì sulla destra a strizzarci l’occhiolino.

In cima al colle

Il plateau dell colle sembra una spiaggia di Rimini! Saremo almeno in 20 bikers tutti a riprendere fiato e a goderci il meritato riposo. Mettiamo sotto i denti uno spuntino e ci prendiamo un momento per contemplare il panorama dall'alto, e scattare fotografie.

Poi, c’è solo da scendere... e che discesa! Il lunghissimo vallone del Grauson che abbiamo percorso integralmente è quanto di meglio si possa desiderare per una discesa in MTB: il sentiero è in condizioni perfette e consente anche ai meno intrepidi di scendere nella massima tranquillità per un bel po' di chilometri.
Subito si incontra il magnifico gruppo di laghetti Doreire e poi è un lungo e progressivo perdere di quota in un ambiente fantastico.Lago Doreire

Nella parte terminale del vallone si superano alcuni salti rocciosi molto difficili tecnicamente (il sentiero è gradinato e sconnesso), alcuni di noi non hanno troppi problemi, in particolare il nostro mitico Matteo che da buon trislista divora letteralmente il sentiero e qualsiasi difficoltà, altri scendono con più calma, altri ancora procedono a piedi per non rischiare l'osso del collo.

Si riprende contatto con la civiltà incrociando numerosi gruppi di turisti che salgono il sentiero in senso opposto, e così dopo un fantastico single track finale si giunge a Gimilian, rinferscatina ad un magnifico fontanone, poi da qui in breve su asfalto dopo circa 3 km eccoci nuovamente in centro a Cogne. Tappa obbligata al bar per una meritata birrozza da sorseggiare tutti assieme.


Un tour semplicemente fantastico e uno dei più entusiasmanti single track della valle d’Aosta. Parola di bikers!..