Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.

Se sei d'accordo, premendo 'Accetto', acconsenti che questi vengano memorizzati sui tuoi dispositivi, altrimenti chiudi la pagina web. Per saperne di piu'

Accetto

Tour del Monte Bianco 2013

TMB2013
TMB versione 2013


Anche quest'anno, nei giorni a cavallo di ferragosto, abbiamo organizzato il Tour dei tour, quello del Monte Bianco. Che dire? Fantastico giro, come il solito non si smentisce mai!!! La compagnia ottima e cinque giornate meteorologicamente perfette sono state d'aiuto per godere al 100 per 100 di tutto quello che offre questo tour come paesaggi, percorsi, compagnia ed emozioni.

Il ritrovo a Courmayeur mercoledì 14 agosto, il piazzale del pattinaggio è pieno, è giorno di mercato. Lo sapevamo ma speravamo di arrivare prima per riuscire a parcheggiare più agevolmente ma non abbiamo fretta, ci aspettano cinque giorni in mountain bike, oggi la tappa non è particolarmente lunga dunque possiamo pazientare ancora un attimo per trovare parcheggio ed infatti, tempo 10 minuti, e siamo pronti per scaricare le bici. Questa volta ci sono i nostri affezionati Gaston e Dindo ed i nuovi compagni Lorenzo e Stefano. Breve presantazione e si parte.

 

 

TMB01 TMB02 TMB03

La Val Veny ha sempre il suo perchè

Si sale per la Val Veny chiacchierando per conoscere un pò i nuovi compagni di viaggio, si entra subito sulla stessa lunghezza d'onda, sarà la passione per le due ruote, la giornata stupenda e le aspettative per questi 5 giorni da passare insieme ed il gruppo è già affiatato. Inutile dire che dopo 5 minuti hanno tutti capito di che pasta è Gaston e che con lui la risata è assicurata.

TMB04 TMB05 TMB06 TMB06 TMB06

I nostri compagni di viaggio ed il gruppo lungo il lago Combal

La salita prosegue, incontriamo una coppia francese che è da parecchi giorni in giro per la Valle d'Aosta in mountain bike, apprezziamo la loro simpatia e la loro grinta, ci salutiamo con la speranza di sentirci per email. Il tracciato diventa divertente oltre il rifugio Elisabetta, le salite sono tecniche, ripide ma non troppo, incrociamo un gruppo di inglesi in bicicletta che ci fanno i complimenti perchè alcuni di noi riescono a pedalare anche le rampe più ripide ma poi arriva anche per noi il momento di scendere e spingere. Ancora un breve tratto pedalato e siamo al Col de la Seigne.

TMB01 TMB02 TMB03

TMB01 TMB02 TMB03

TMB01 TMB02

Si prosegue fino al Col de la Seigne


Il secondo giorno ci porta sulla diga di Roselend che con i suoi colori è un posto magnifico dove scattare qualche foto. Anche oggi bellissima giornata, la tappa non è troppo lunga e ci consente varie soste ristoratrici per goderci al meglio questi momenti.

 

TMB01 TMB02 TMB03

TMB01 TMB02

Un paio di colli ci separano dal punto tappa, la giornata è calda e si suda veramente tanto in salita ma le discese sono molto divertenti e ci appagano completamente. Dopo alcune soste tra mangiate, bevute e relax davanti alla meraviglia del Bianco, ci lanciamo in una discesa in single track che chiuderà la giornata, una chicca che abbiamo scoperto quest'anno. Divertendoci come dei bambini raggiungiamo la meta: anche questa giornata è stata unica!!!

TMB01 TMB02 TMB03

TMB01 TMB02

 


 

Il terzo giorno è il più impegnativo, c'è parecchio dislivello ma, nel caso ci fossero dei problemi, si potrà sfruttare un impianto di risalita che ci permetterà di guadagnare alcune centinaia di metri recuperando tempo ed energie. Così non sarà perchè il gruppo riuscirà a cavarsela con le proprie gambe, meritandosi a pieno titolo l'ottima ed abbondante cena che i gestori dell'albergo ci faranno trovare la sera. La giornata inizia con una brutta foratura di Rik che si ritrova un chiodo nel copertone: ci andranno tre stringhe per ripararlo.

TMB01 TMB02 TMB03

 

Questo è il giorno del 'giro di boa' ossia si supera la metà del giro passando per Chamonix. In effetti il gruppo passa proprio per questa località nel primo pomeriggio.

TMB01 TMB02 TMB03 TMB03

La giornatà è calda anche oggi, ci si mangia un bel panino insieme a coca o birra e questo sarà il carburante per concludere la tappa che vede ancora un colle di tutto rispetto prima di Trient. Anche il fondovalle verso Argentière sembra non finire mai. L'ultima discesa, però, arriva e ce la godiamo tutta, è tecnica al punto giusto e molto divertente.

TMB01 TMB02 TMB03

TMB01 TMB02 TMB03

 


 

Siamo al quarto giorno ed un pò di stanchezza si fa sentire, però la voglia di divertirsi e di percorrere nuovi sentieri è ancora tanta. Anche la tappa di oggi ci sazierà: si parte con delle belle rampe, single track in salita con tornantini tecnici che mettono alla prova il nostro equilibrio e la nostra agilità. Alla fine si conta chi ne ha fatti di più senza 'cacciare i piedi'.

TMB01 TMB02 TMB03

Si continua con una salita da trialisti e anche qui si prova a restare sui pedali il più possibile ma non è così facile. La discesa su Champex ce la mangiamo perchè la fame di cibo vero inizia a farsi sentire e vogliamo raggiungere la civiltà al più presto. Così ci facciamo una scorpacciata di crèpes salate e dolci non proprio a buon prezzo ma sicuramente squisite.

TMB01 TMB02 TMB03

TMB01 TMB02 TMB03

TMB01 TMB02

Il pomeriggio si percorre la Val Ferret svizzera che sembra non finire mai, si alternano sentieri a strade sterrate fino ad arrivare a La Fouly dove troviamo birre fresche e patatine che ci attendono e che vaporizziamo in cinque minuti godendoci gli ultimi raggi di sole.

TMB01 TMB02


 

Quinto ed ultimo giorno, la salita verso il Col du Grand Ferret è molto bella: inizia con una sterrata abbastanza ripida che conduce all'alpeggio della Peule dove si può vedere una particolare tenda dov'è possibile dormire sul fieno. Si prosegue lungo il sentiero che è quasi totalmente pedalabile e termina con una vasta conca molto divertente e panoramica da percorrere in mountain bike.

TMB01 TMB02 TMB03

TMB01 TMB02 TMB03

TMB01 TMB02 TMB03

Arrivati in Italia percorriamo ancora la balconata della Val Ferret, un tracciato che alterna sali e scendi proprio di fronte alla catena del Monte Bianco con squarci panoramici da togliere il fiato.

TMB01 TMB02 TMB03

Ancora alcune foto che merita pubblicare...

TMB01 TMB02 TMB03 TMB03

Gran finale per coccolarci un pò alle terme di Pré-Saint-Didier... da non crederci dopo cinque giorni di mountain bike!!!

TMB01

Le terme di Pré-Saint-Didier online qui