Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.

Se sei d'accordo, premendo 'Accetto', acconsenti che questi vengano memorizzati sui tuoi dispositivi, altrimenti chiudi la pagina web. Per saperne di piu'

Accetto

Pedalando sotto l'Emilius

DSCN5783  DSCN5801  DSCN5819

Dopo la fantastica giornata di sole di ieri che faceva ben sperare, oggi ancora tutti col naso in sù per scrutare il cielo….ancora nuvole all’orizzonte dell’alta valle!! Pazienza!
Mentre aspettiamo  tutti e ci si beve il caffè di Sophie, siamo indecisi se andare verso Pila per poi scendere da a Ozein verso Aymavilles dove potremmo unirci al gruppo di Patrik, Matteo, Luana, Francesca e Fabio oppure sfuggire alle nuvole andando in direzione Brissogne.
Alla fine nessuno ha voglia di prendere ancora acqua per cui si sceglie il piano B: si va ad est.


Oggi siamo un bel gruppetto: Rick, Rinaldo, Fabrizio, Andrea, Marco, Beppe  ed io. Chiacchierando del più e del meno abbandoniamo la ciclabile ed iniziamo a salire: Pollein, Moulin, Grand Brissogne, lungo sentieri e strade sterrate raggiungiamo il gran premio della montagna posto  a 1150 m. di quota dentro il Vallone delle Laures – da qui parte una lunga e bella escursione di Trekking che porta ai laghi omonimi e volendo al Colle dei Capuccini e al Monte Emilius… ma questa non è roba da bikers!! Noi ci lanciamo in una divertente discesa in singletrack che ci porta all’abitato di Bondina e dopo aver tagliato alcuni tornanti percorriamo il sentiero n. 13 che già normalmente è discretamente tecnico per il fondo sassoso ma oggi è veramente di m…. a causa di alcune mucche che hanno lasciato segno del loro passaggio!!!!!  Arrivati al villaggio di Vurvian qualcuno decide di togliere “le souvenir de vache” dalla bici facendo il “bucato” nella fontana!
Si riparte lungo una di quelle belle e larghe strade sterrate, dove normalmente si farebbero correre le ruote, invece no!!! Gli occhi devono sempre restare bene aperti, infatti…. Eccola lì!! Una “fissella” (un nastro ) che taglia la strada legata ad un palo ed un albero!!!!   
Si prosegue in discesa lungo un sentiero che ci porta a Prarayer, da lì iniziamo ad avvicinarsi verso casa passando da Brissogne, Petit Pollein dove riusciamo a farci ancora una salitella o poi ancora singletrack tornando sui passi dell’andata e Pollein con discesa finale a Plan Felinaz.
Il tempo di lavare via un po’ di “dreutza” (letame) dalle mtb e siamo al parcheggio della piscina dove sotto una “nevicata di polline” scambiamo le impressioni con il gruppo di Matteo e Patrik.
 Anche la loro escursione è andata bene: il maltempo e le mucche li hanno risparmiati …