Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.

Se sei d'accordo, premendo 'Accetto', acconsenti che questi vengano memorizzati sui tuoi dispositivi, altrimenti chiudi la pagina web. Per saperne di piu'

Accetto

La Montagna da scoprire

Escursioni di una giornata, mediamente impegantive, per coloro che vogliono provare il piacere di pedalare in meda-alta montagna montagna prendendosi il tempo per godersi panorami mozzafiato e le ricchezze naturali della Valle d’Aosta. Ecco alcune delle nostre proposte:

 

BeccaViou

TOCCARE IL CIELO CON UN DITO (Alpeggio di Viou)
L’escursione prevede la risalita partendo dalla riserva naturale di Tsatelet (750 mt. Slm) fino all’alpeggio di Viou (2100 mt. Slm) attraversando i paesi di Roisan, Parlez e Blavy. L’itinerario attraversa paesaggi tipici alpini partendo da zone di fondovalle caratterizzate da Roverella e altri arbusti fino a raggiungere foreste di Abete Rosso e Pino Silvestre. La fauna non manca di sorprendere gli escursionisti con Cervi, Caprioli, Camosci e Marmotte. Falchi e Poiane sono i rapaci più comuni nella parte iniziale dell’escursione mentre più in alto è possibile vedere l’aquila reale sorvolare i terreni di caccia.

Colle Invergneux

IN ALTA MONTAGNA TRA I CAMOSCI (Col Invergneux)
Escursione di alta montagna che permette di attraversare il Colle dell’Invergneux, a quota 2903 mt. e caratterizzata da una lunga e stupenda discesa su sentiero. Sicuramente una delle più belle discese della Valle d’Aosta! Il percorso, ad anello, è molto panoramico e si snoda nel comune di Cogne, ai limiti del Parco nazionale del Gran Paradiso.

Casolari di Orvieille

SUL SENTIERO DEL RE (Casolari di Orvieille)
Partendo da Fenille, primo villaggio del Comune di Valsavarenche, risalendo la fascia fluviale del Torrente Savara e pedalando in un suggestivo bosco di conifere si raggiungono gli alti pascoli alpini del plateau di Orvieille dove si trova il Casolare di caccia, meta della gita che si raggiunge percorrendo la “strada reale” voluta da Vittorio Emanuele II tra il 1861 e il 1868