Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.

Se sei d'accordo, premendo 'Accetto', acconsenti che questi vengano memorizzati sui tuoi dispositivi, altrimenti chiudi la pagina web. Per saperne di piu'

Accetto

I Rus de la Seigneurie de Quart

Il ponte-acquedotto Grand Arvou che sorregge il Ru Prévôt Il ponte-acquedotto Grand Arvou in tutta la sua maestosità La galleria sul Ru de Pompillard tra Aosta e Saint-Christophe

 

Caratteristiche dell’escursione

Escursione di mezza giornata su circuito di circa 15 km (con possibilità di varianti) che si snoda esclusivamente su strade interpoderali (sterrate), con brevi tratti su strada asfaltata. Durante il giro si percorreranno alcuni tratti di parte dei rus (v. sotto) della Signoria di Quart: Ru Champapon, Ru Prévôt e Ru Pompillard, che furono costruiti nel Medio Evo. Verranno attraversati antichi ponti-aquedotti. In particolare, il ponte-acquedotto Grand Arvou che sorregge il Ru Prévôt e il ponte Petit Arvou che sorregge il Ru Champapon.
La strada sterrata che percorre i rus porta d’apprima al borgo di Roisan e poi, attraverso una galleria, alla parte alta della Collina di Aosta e Saint Christophe, da dove poi si ridiscende, sempre su strada sterrata, al punto di partenza. Volendo si possono anche percorre tratti di sentiero in discesa per provare le abilità tecniche di guida.

Dal punto di vista naturalistico, il percorso attraversa boschi di latifoglie e alcune zone di pascolo.

Lungo il percorso sono possibili molte varianti che possono rendere più impegnativo il percorso aumentando i chilometri e il dislivello. È anche possibile salire in quota per affrontare discese tecniche su sentiero.

Dati tecnici riassuntivi del percorso

• Tipo di gita:relax lungo piste sterrate, rus e acquedotti
• Target: adulti, famiglie e giovani di età superiore ai 12 anni
• Territorio: di bassa montaga - facilmente accessibile
• Difficoltà tecnica: TC
• Impegno fisico: basso
• Trasferimenti: non previsti
• Ciclabilità: 100%
• Periodo di validità: quasi tutto l'anno (in funzione dell’assenza di neve)
• Durata dell’escursione: 2-3 ore 
• Distanza: 15 Km
• Quota di partenza: 748 mt 
• Quota minima: 748 mt (luogo di partenza)
• Quota massima: 901 mt
• Dislivello positivo: 200 mt

 

Località di partenza e rientro

Il luogo di partenza e rientro si trova alla riserva naturale Tsatelet

Attrezzatura

Bicicletta idonea al mountain bike e perfettamente funzionante (si raccomanda di controllarla prima della gita); casco (obbligatorio), abbigliamento idoneo al mountain bike (si raccomanda, in particolare, l’utilizzo di occhiali da sole con protezione UV e guanti), zaino per abbigliamento supplementare (maglie, giacca antipioggia/vento, ecc.), per le bevande (non alcoliche) e per i generi alimentari (pranzo al sacco). Non dimenticate la crema solare. In ogni caso, l'abbigliamento dovrà essere adeguato alla quota che si raggiunge, considerando che il tempo in montagna può cambiare anche velocemente e la temperatura avvicinarsi facilmente a zero gradi. 

Si raccomanda di portare una camera d’aria di riserva, da utilizzare in caso di foratura, e una falsa maglia per la catena, da utilizzare in caso di guasto ed altri ulteriori ricambi adatti alla vostra bicicletta.

Per ulteriori informazioni potete contattarci. In ogni caso potrete avere i nostri consigli per preparare al meglio l'escursione in funzione del periodo e delle previsioni meteo. 

 

Mappe

WEB Rus-Seigneurs gh3D 1 WEB Rus-Seigneurs gh3D 2

 

Cosa sono i rus?


Sono canali di irrigazione costruiti nel passato per rendere possibile la coltura sull'arido versante a solatìo (adret). Questi canali sono stati realizzati quasi tutti tra il XIII e il XVI secolo, periodo in cui le temperature erano più elevate che nei periodi precedenti e successivi e le precipitazioni scarse. Derivando le acque dai torrenti originati dai ghiacciai e attraverso complesse reti minori distribuivano l'acqua sulle zone coltivate, dai pascoli di montagna alle colline di fondovalle.
Molti rus sono tuttora utilizzati. Gli interventi di sistemazione portati avanti ai giorni nostri, tenendo conto del contesto attuale, adottano di norma delle tipologie costruttive che consentono di ridurre gli interventi di manutenzione ordinaria, per conferire ai rus una maggiore efficienza ed economicità di gestione: molti rus che un secolo fa erano in terra naturale sono oggi impermeabilizzati (rivestiti in pietrame a secco, in pietrame e malta, in calcestruzzo, ecc. ) oppure sono stati intubati.